Diritto annuale 2020

16 giugno 2020

Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, per l'anno 2020 ha confermato gli importi del diritto annuale dell'anno precedente. Il termine per il pagamento coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi  - 30 giugno 2020 - con la possibilità di versare entro il 30 luglio 2020 con la maggiorazione dello 0,40%.

Come versare

Il versamento del diritto annuale va eseguito in unica soluzione scegliendo, in alternativa:

  • pagamento online tramite la piattaforma pagoPA. Collegandosi al sito dirittoannuale.camcom.it e utilizzando la funzione ‘calcola e paga’, si può calcolare quanto dovuto e anche pagare direttamente online;
  • pagamento con il modello F24 utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi.Il versamento può essere effettuato mediante il servizio telematico F24 Web o avvalendosi dei servizi offerti dalle Banche e dalle Poste Italiane. Maggiori informazioni sul sito www.agenziaentrate.it.  Le sezioni del Modello F24 si compilano come segue:

Sezione

Modalità di compilazione

Contribuente

indicare il codice fiscale dell’impresa (non la partita iva), i dati anagrafici e il domicilio fiscale

Sezioni IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI

codice ente/codice comune: NU (compilare le prime due caselle da sinistra e lasciare vuote le due successive)

codice tributo: 3850 1/3

anno di riferimento: 2020

importi a debito versati: scrivere l’importo previsto

 

Quanto versare

Gli importi del diritto annuale 2020 sono stati stabiliti con la riduzione del 50% prevista dall’art. 28, c. 1 del decreto legge 90/2014, convertito dalla legge 114/2014. Per tutte le imprese iscritte nella Sezione Speciale del Registro Imprese e i Soggetti REA tenuti al versamento di un diritto annuale definito in misura fissa, con i seguenti valori:

 

Tipo di impresa

Sede       

Unità locale

Imprese individuali iscritte nella sezione speciale del Registro imprese

€   52,80 (*) (arrotondato a € 53) € 10,56 (*)(arrotondato a € 11)

Imprese individuali iscritte nella sezione ordinaria del registro imprese

€ 120 € 24

Società semplice agricola

€ 60 € 12

Società semplice non agricola

€ 120 € 24

Società tra professionisti (art. 16, c. 1, D.lgs. n. 96/2001)

€ 120 € 24

Soggetti iscritti al REA (repertorio economico amministrativo) (associazione, fondazione, parrocchia, asilo, eccetera) - solo per la sede -

€ 18 € 0

Imprese con sede principale all’estero: per ciascuna unità locale/sede secondaria

€ 66,00

(*) Nel caso di impresa con una o più unità locali, è necessario in un primo momento calcolare l'importo dovuto senza arrotondamenti e successivamente, sull'importo finale così ottenuto, applicare l'arrotondamento.
Esempio: impresa individuale € 52,80 per la sede + 1 unità locale € 10,56 = € 63,36 che arrotondato diventa € 63,00 (e non 53+11= 64).

Si ricorda che per le imprese di nuova iscrizione il diritto annuale deve essere pagato al momento dell'iscrizione oppure entro 30 giorni dalla domanda d'iscrizione tramite modello F24.

 

Scadenza


Per il 2020 la scadenza del pagamento è martedì 30 giugno con la possibilità di versare entro il 30 luglio 2020 con la maggiorazione dello 0,40%. La maggiorazione va sommata al diritto dovuto e versata con i decimali ed è dovuta anche nel caso di compensazione con altri crediti a saldo zero. In alternativa si può effettuare il versamento applicando la sanzione e gli interessi previsti per il ravvedimento breve.

Per le imprese iscritte nella sezione ordinaria del Registro imprese, tenute al versamento del diritto annuale commisurato al fatturato, l'importo dovuto è determinato applicando al fatturato 2019 le aliquote definite con il decreto interministeriale 21 aprile 2011, mantenendo nella sequenza di calcolo cinque cifre decimali.

Gli importi complessivi così determinati dovranno essere ridotti del 50%, successivamente aumentati del 20% ed in seguito arrotondati secondo quanto disposto dalla nota n. 19230 del 03/03/2009 (prima arrotondamento alla seconda cifra decimale e poi arrotondamento all'unità di euro, per eccesso, se la frazione decimale è uguale o superiore a 50 centesimi, e per difetto, negli altri casi).

Leggi gli aggiornamenti del 30/06/2020

Chi ha pagato prima del 27 marzo 2020 
Le nuove imprese o unità locali, iscritte nei primi mesi del 2020 e che hanno pagato il diritto annuale senza la maggiorazione, possono effettuare il conguaglio rispetto all'importo versato entro il termine di cui all'articolo 17 comma 3 , lettera b) del Decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001 n .435 (termine ordinario: 30 novembre 2020).

 

Unità locali
Per ciascuna delle proprie unità locali, le imprese devono versare, in favore della Camera di commercio della provincia in cui l'unità locale è ubicata, un importo pari al 20% di quello dovuto per la sede, indicando nella casella "codice ente" la sigla della provincia (per NUORO: NU).

Arrotondamento
L'importo del diritto annuale da versare è sempre quello arrotondato alla cifra esatta. L'arrotondamento, secondo i criteri dettati nella nota del Ministero dello sviluppo economico n. 19230 del 03.03.2009, va sempre fatto alla fine del calcolo di determinazione del diritto annuale complessivo (sede + unità locali).

 

Comunicazione alle imprese
La lettera informativa, con le informazioni per il pagamento del diritto annuale, sarà inviata, nel mese di giugno, esclusivalmente alla casella di posta elettronica certificata dichiarata dall'impresa al registro delle imprese.


Riferimenti normativi: 

  • Decreto ministeriale 12 marzo 2020, in vigore dal 27 marzo 2020
  • Cicolare del Ministero dello Sviluppo economico - Misure del diritto annuale anno 2020 

 

 

 

 

Per informazioni rivolgersi a:

Economato e ragioneria

Indirizzo
Via Papandrea n. 8 - 08100 - NUORO
Orari
Dal Lunedì al Venerdì dalle 9,00 alle 12,00 Lunedì e Martedì anche dalle 15,30 alle 17,00
Telefono
0784 242526 - 0784 242525 - 0784 242523
Email
monica.guido@nu.camcom.it - giuseppina.deiana@nu.camcom.it - emanuela.arippa@nu.camcom.it
PEC
ragioneria@nu.legalmail.camcom.it